New arrivals

ADIDAS ORIGINALS TORSION CREW SWEATSHIRT

8 ott , 2014  

M69323_01_laydown

Quando la barra TORSION® SYSTEM fece il suo debutto rivoluzionò il mondo del running offrendo una stabilità mai provata prima.

La grafica di questa felpa da uomo, con un’immagine della barra sul petto e l’anno “1989” sulla schiena.

More…

, , , , ,

Album,Bands

Bruce Springsteen – Firenze 10/06/2012

23 giu , 2012  

Firenze – Stadio Franchi.

L’attesa è lunga e minuto dopo minuto l’eccitazione sale….. ore 20.30 e finalmente The Boss è sul palco e con lui inizia a piovere. Il concerto comincia subito forte con “Badlands” seguita da “No Surrender”, il pubblico è in estasi e segue il suo condottiero pezzo dopo pezzo, nota dopo nota. Seguono alcune cover, ben sette,  e poi arriva “Tenth avenue freeze out”, con il tributo a Clarence Clemons.

Continua a piovere, e piove sempre di più, ma 30 anni di rock n’ roll certo non si fanno spaventare dall’acqua, noi siamo lì e anche Bruce è lì e si prende tutta l’acqua insieme al suo pubblico, cantando e correndo su e giù dal palco.

E’ un turbinio di emozioni, colori, musica e sudore in puro stile rock.

Anche quando lo stadio si sta svuotando, perché in molti non ce l’hanno fatta a prendere così tanta acqua, Springsteen canta ancora, ancora una volta “Twist and shout”, e poi “Who will stop the rain” dei Creedence Clearwater Revival.

Proprio lui, “The last man standing” urla: <<Siete duri a morire!>> rivolgendosi a chi è rimasto fino alla fine.

In tre ore e mezza di concerto, nessuno ha fermato la pioggia, ma la pioggia non ha fermato nessuno….. tanto meno Springsteen e il suo pubblico!

Red Supertramp

, ,

Album,Bands

ALABAMA SHAKES “Boys & Girls”

2 mag , 2012  

Parli degli Alabama Shakes e capisci subito che il rischio di sprofondare nella sagra delle etichette e dei paragoni è tangibile. Provi a uscirne immune, allora, tenti con l’omeopatia: l’unica è inghiottirne subito una discreta quantità.

‘Swamp rock’, ‘retro soul’, ‘nuovi White Stripes’ ‘new gospel’, ‘southern rock’, ‘nuovi Kings Of Leon’, ‘Motown sound’. Fatto. Bene.

Ora ti resta nelle orecchie una giovane band che attira la tua attenzione con una marca originale di rock, fatta della felice sintesi di stili che tu hai cercato di dissezionare per capirne l’origine e la ragione del piacere ma che loro, al contrario, hanno già amalgamato con libertà e spontaneità. Il quintetto dell’Alabama capitanato da Brittany Howard, splendida vocalist senza filtri, è con ogni probabilità LA rock band su cui puntare quest’anno e, in assenza di una possibilità di ammirarlo dal vivo (è così che in pochi mesi ha costruito una reputazione già solida), bisogna ascoltarne l’album d’esordio “Boys & girls”, registrato, autoprodotto e mixato nei Bomb Shelter Studios di Nashville e uscito in Europa per la Rough Trade (oltre oceano hanno firmato per la label di Dave Matthews, la ATO).

Gli Alabama Shakes vengono da un luogo della terra e della mente degli Stati Uniti contraddittorio, dove etichette come la Stax Records, formazioni come Booker-T & The MG’s, studi di registrazione come i Muscle Schoals Studios hanno sfornato capolavori in serie il cui unico filo rosso era la fusione naturale tra il gospel e il rock, tra il nero e il bianco. Quell’integrazione razziale tra componenti dei gruppi che, fuori, una segregazione dura a morire impediva invece di realizzare ha generato il migliore Southern Rock, del quale questi ragazzi sono una nitida espressione: su quelle melodie, che percepiamo come uno standard, hanno poi ricamato con originalità, contaminando, innestando riff, piantando la bandiera del 2012 sulla tradizione.

, , ,

Album,Bands

THE BOXER REBELLION “The Cold Still”

4 feb , 2012  

Con la perseveranza si raggiungono obiettivi ambiziosi, e la rete è ormai davvero il mezzo più democratico per promuovere la propria musica senza avere per forza la spinta di una potente casa discografica.
La carriera dei Boxer Rebellion ne è la prova più tangibile: con i soli download il quartetto ha infatti scalato le classifiche in Gran Bretagna, grazie al precedente album “Union” (promosso con il passaparola), e piano piano si è fatto conoscere anche negli Stati Uniti.
Alcune canzoni di Nathan Nicholson (nativo del Tennessee) e dei suoi compagni sono state anche il commento sonoro di alcuni episodi di serie televisive molto conosciute, come “One Tree Hill”, “Ghost Whisperer” e “Grey’s Anatomy”.
Dopo l’uscita di “Union” ci sono stati anche un tour e una partecipazione della band nel film “Amore a mille… miglia” (il cui titolo originale è “Going The Distance”), con Justin Long e la celebre attrice Drew Barrymore.
Adesso arriva questo nuovo “The Cold Still”: invernale già dal titolo, è una raccolta di riflessioni sui sentimenti, sulle difficoltà nelle relazioni, sulla vita e sulla morte.
Si alternano momenti più asciutti e vigorosi, che mostrano bene la capacità della band di scrivere e registrare un potenziale singolo anche in un solo giorno – com’è accaduto con “The Runner” – e altri più riflessivi, le cui qualità emergono lentamente, dopo vari ascolti.
Ad aiutare la band in cabina di regia stavolta c’è Ethan Johns, produttore di Laura Marling, Kings Of Leon, Rufus Wainwright, Paolo Nutini, Crowded House e Ray Lamontagne.
Il missaggio invece è stato fatto presso gli studi Real World di Peter Gabriel.
Ne è stata fatta di strada, e il risultato finale denota un notevole passo avanti

Red Supertramp

, ,

Album,Bands

99 POSSE – CATTIVI GUAGLIUNI

14 dic , 2011  

I 99 Posse sono tornati in concomitanza con la crisi che ci investe, onda rivoluzionaria e rabbiosa degli anni novanta, si sono ri-catapultati nella realtà dopo dieci anni di assenza e tanti problemi personali alle spalle.

Ne abbiamo viste di reunion, molte abbastanza ridicole, mentre per i 99 sembra che il tempo non sia passato, stessa rabbia, stesse motivazioni e stessi testi al vetriolo, la formazione è quella originale, naturalmente senza Meg, come si poteva immaginare.

“Cattivi Guagliuni” vanta una grande collaborazione: Caparezza (“ Tarantelle pe’ campa’ ”) e dà visibilità a Daniele SepeSpeaker CenzuClementino (con una grandissima collaborazione in “University of Secondigliano”), Claudio MarinoValerio Jovine, fratello di Massimo membro storico dei 99.
Degne di nota sono appunto le canzoni con Clementino e Caparezza sopracitate, la prima per la bravura dell’mc napoletano, nell’incastrarsi perfettamente con il navigato gruppo, e la seconda ovviamente per la bravura di Caparezza che si trova totalmente a suo agio sul beat molto folkloristico, che per l’appunto richiama la tarantella.

Quindi bentornati Posse e .. hasta la victoria, siempre.

Red Supertramp

, ,

Album,Bands

Justice – Audio, Video, Disco

27 ott , 2011  

La prima cosa che ci si chiede quando si ascolta il nuovissimo disco dei Justice è: che cosa gli è successo?

Il gruppo francese autore di quel “Cross” del 2007, così controverso in un’epoca di forte cambiamento all’interno della scena elettronica, un disco post(daft)punk con degli spunti interessanti, da alcuni definito addirittura come un capolavoro assoluto della nuova decade, ci ha fatto attendere il successore per ben quattro anni per regalarci un disco che sfigura non solo davanti al debutto quanto al mondo dell’elettronica…

Gli undici pezzi contenuti nel disco mancano completamente di forza e di grinta, di beat travolgenti e di ritmiche serrate, e sebbene utilizzino alcuni dei suoni ritrovabili in brani come Genesis o D.A.N.C.E, non riescono a bissare e non propongono nulla di innovativo, quel poco che c’è inoltre, suona terribilmente male e sembra preso di petto dalle sigle dei telefilm statunitensi degli anni ’80 con suoni che ricordano la saga di Star Wars, ma in negativo…

Sono sempre stato scettico riguardo i nuovi “figli dell’elettronica” e i Justice non fanno eccezione.

Il già citato pezzo D.A.N.C.E, a mio giudizio, aveva rappresentato il trampolino di lancio ideale  verso un orizzonte così povero di forza e di ritmo, che andava a rompere in maniera così forte con canzoni come New Jack e la stessa Genesis.

Si tratta di elettronica ripulita di tutte le sue caratteristiche e in modo particolare della sua insita forza travolgente, un disco sobrio, una pietra miliare dell’elettronica cristiana senza né arte né parte, intrisa di banali motivetti e di cori da chiesa che offendono il nome dei Justice e di questa musica.

Red Supertramp

, ,

Events

FLYING TO WIEN

7 set , 2011  

Cambiano le location ma le situazioni rimangono inalterate con la continua dose di marchi e trend che hanno invaso interamente l’atmosfera Gaetana.

E’ il caso di Fksneakers che dopo circa 2 anni cambia sede e si trasferisce presso Kafbel , un lungo filo conduttore che parte dal 1976 e dopo circa 35 anni è ancora qui, presente, osservatore di tutti i gusti e mode che si consumano velocemente sulle fiere di tutta Europa.

Una sneakers non fa primavera, ma la voglia continua di ricerca anima da sempre lo spirito battagliero e mai arrendevole di tutto lo staff di Fksneakers. E’ proprio per questo che senza troppi fronzoli ci si getta a capo fitto su quella che è la miglior esposizione mondiale di sneakers: SneakerNess.

Sabato 10 settembe se siete dalle parti di Vienna, l’appuntamento è unico, una montagna di scarpe vi travolgerà.

Tutte le migliori marche a disposizione, da Reebook a Puma, da Nike a Asics.

Un luogo d’incontro, un mondo in cui è possibile provare, acquistare e toccare con mano prototipi e collezioni esclusive, ognuno si immedisima in una diversa sneakers, tanti gusti tante scelte, tanta voglia di essere unici nel proprio stile.

Se ancora non l’avete capito, saremo lì con la nostra esposizione di scarpe limited edition, un buon motivo per stringere contatti, respirare area europea esportando i nostri gusti alternativi, ricercati e sempre di prima qualità.

Taccuino alla mano si prende appunti e si ritorna a casa con un mucchio di scarpe e tanta voglia di ricominciare e offrire sneakers comode e confortevoli…

”drizzate l’antenna si prende campo!!!

SPECIAL THANKS : Rotondino

, ,